Vino Passocannone Rosso 2010

Passocannone Etna DOC 2010

€20.00

 

PRODUTTORE: Passocannone

CLASSIFICAZIONE: D.O.C. Etna Rosso

VITIGNO: Nerello Mascalese

ZONA DI PRODUZIONE: Passopisciaro, Castiglione di Sicilia (CT)

 

Il Passocannone si presenta rosso rubino intenso, limpido, brillante e consistente e viene ottenuto da vitigno autoctono Nerello Mascalese in purezza.  All’esame olfattivo offre fragranze vinose ed inebrianti, distinguibili separatamente per la presenza di aromi fruttati e di profumi appena percepibili di rosmarino, eucaliptus e fiori autunnali. Il Passocannone è un vino degno dei migliori collezionisti per una lunga conservazione che si raccomanda fare in un luogo fresco non superiore ai 18°C.

Esaurito

Categorie: , .

Informazioni aggiuntive

Peso 1.20 kg

Uve: 100% nerello mascalese
Zona di produzione: Passopisciaro, Comune di Castiglione di Sicilia (CT), al centro della zona DOC Etna Rosso
Tipologia del terreno: di natura vulcanica
Sistema di allevamento: alberello, cordone speronato e guyot
Epoca di vendemmia: I - II decade di ottobre
Grado alcolico: 13,5% vol
Temperatura di servizio: 18 °C

Abbinamenti: Carni arrosto, alla griglia e in umido, formaggio pecorino pepato, formaggi piccanti, stoccafisso alla messinese, zuppe di pesce e grigliata mista di pesce.
Servire a 18°.

Il vino Passocannone viene prodotto nella omonima contrada che fa parte della frazione di Passopisciaro ed ha la fortuna di trovarsi nel cuore della zona DOC dell’Etna Rosso prodotto con Nerello Mascalese.
Coltivato da sempre nella tenuta della famiglia Del Campo confinante con l’abitato di Passopisciaro frazione di Castiglione di Sicilia e con la proprietà degli eredi di Ettore Majorana per circa 2 km e mezzo di confine. La tenuta è attraversata dalla statale 120 dell’Etna e delle Madonie e si trova a circa 700m s.l.m. Il vino è prodotto con Nerello Mascalese e sin dai tempi dell’unità d’Italia veniva esportato dal porto di Riposto verso tutti i mercati europei ed in particolare verso l’Inghilterra. Il Passocannone è quanto di meglio possa produrre la zona dell’Etna nord grazie al terreno drenante e biodinamico per definizione (rinnovato dalle piogge di cenere dell’Etna);
i terrazzamenti sono tutti in posizione ben ventilata e mai colpiti da nebbie persistenti. L’ottima uva perfettamente sana al momento della vendemmia non può che produrre un ottimo vino. L'Etna Rosso era molto amato da Frank Sinatra (che lo cercava nei ristoranti Siciliani in America) e da Ettore Majorana, grande fisico atomico che qui trascorreva il periodo di villeggiatura di luglio e agosto con la sua famiglia, fino all'anno della sua misteriosa scomparsa, nel 1938. La posizione geografica è unica, non solo per la magnificenza dell'Etna, ma anche per gli spettacoli come il doppio arcobaleno che si verifica in presenza della corrente d'aria proveniente dalla Val Demone.

Il Passocannone Rosso dell'Etna ha partecipato all'INTERNATIONAL WINE CHALLENGE (IWC) svoltosi a Londra nel 2011 ottenendo una medaglia come vino di qualità raccomandata.
Ha partecipato con successo anche al Vinitaly del 2011 e ad altre recenti degustazioni competitive denominate "CONTRADE DELL'ETNA" organizzata dal Conte Franchetti a Passopisciaro nella primavera di ogni anno ottenendo come riconoscimento la qualifica di uno dei 3 migliori vini dell'Etna Nord.

Il vigneto subisce soltanto i trattamenti strettamente necessari contro la Peronospora e l’Oidio. Non vengono usati insetticidi o diserbanti anti gramigna. Il terreno viene lavorato con un trattorino appositamente attrezzato per l’estirpazione delle erbacce, che nei terreni vulcanici tendono a prosperare. La fermentazione avviene in contenitori di acciaio inox per una durata di sei giorni a temperatura controllata che non supera i 30°C e con una torchiatura finale “soffice”.
Le vinacce ottenute vengono inviate alla distilleria, mentre il mosto fermentato viene conservato in contenitori di acciaio inox sino alla fermentazione malolattica. Dopo il travaso il vino viene trasferito in contenitori sempre di acciaio inox con esclusione del legno e delle barriques che uniformerebbero il Passocannone di per sé stesso eccellente con i tanti vini barricati.
Su richiesta prima dell’imbottigliamento il vino viene trattato a meno 5 gradi centigradi per 20 giorni, dopodiché viene imbottigliato ed etichettato e lasciato stazionare per un ulteriore affinamento in bottiglia per circa tre/sei mesi, il vino così trattato a freddo prima dell’imbottigliamento non produrrà fondo sulle bottiglie come gradito dagli importatori dei paesi nordici e anche da molti enotecari italiani.
Il Passocannone è un vino degno dei migliori collezionisti per una lunga conservazione che si raccomanda fare in un luogo fresco non superiore ai 18°C.