Etna Bianco DOC

Luci Luci Etna Bianco DOC 2013

€15.00

 

PRODUTTORE: Al Càntara

CLASSIFICAZIONE: Etna Bianco DOC

VITIGNO: Carricante 100%

ZONA DI PRODUZIONE: Randazzo (CT)

Vino bianco DOC Etna ottenuto con uve di carricante in purezza.
Le uve sono coltivate in una valle tra il vulcano e i monti Nebrodi, ad una altitudine di 650 metri s.l.m.

.

Quantità:

Categorie: , .

Informazioni aggiuntive

Peso 0.80 kg

Classificazione: DOC Etna Bianco
Vitigno: Carricante 100%
Superficie vitata: 2 ettari
Comune di produzione: Randazzo (CT)
Contrada: Feudo S. Anastasia
Densità delle vigne: 6.000 ceppi per ettaro
Altitudine: 650 metri s.l.m.
Tipo di suolo: Vulcanico ricco di minerali e di scheletro
Età delle vigne: 10 anni
Sistema di allevamento: doppio cordone speronato
Resa media: 75 Quintali per ettaro
Fertilizzazione: organica
Fermentazione: in bianco per 12 giorni a 14 gradi
Malolattica: spontanea a seguire la fermentazione alcolica
Affinamento: 12 mesi in acciaio, 6 mesi in bottiglia
Produzione: 8000 Bottiglie
Prima annata: 2007
Gradazione alcolica: 12-13,5 % vol.
Capacità di affinamento in bottiglia: 5-7 anni

Il vino si presenta giallo paglierino abbastanza consistente.
Al naso si presenta con note di fiori bianchi e di frutta fresca di mela gialla e frutta tropicale accompagnate da note minerali tipiche del carricante. In bocca si presenta fresco, ampio, dotato di una buona sapidità. Temperatura di servizio 8-10° C
Si può abbinare a formaggi stagionati, carni bianche e crostacei.

“Luci Luci”, da “Luci, luci picuraru”, quelle lucciole di cui il poeta parla nel primo dei sonetti, è l’etichetta dell’Etna Bianco DOC, in cui è raffigurato un pastore che riposa sereno, circondato da lucciole numerose, in una limpida notte siciliana.

Dalla felice intuizione che un buon vino è “poesia”, e per farlo ci vuole “arte” nasce l’ azienda: Al-Cantàra. Seppur giovanissima, E stata capace in poco tempo ad affermarsi sul mercato sia per il connubio, unico e prezioso nel suo genere, tra uva, versi e pastelli, sia per la qualità dei vini, che grazie all’esperienza trentennale ed alla sensibilità, unica nel settore del vino, del nostro territorio è stata riconosciuta con alcuni premi di portata nazionale e internazionale: fra questi il Vinitaly e la Douja D’or, Pramaggiore e la selezione del Sindaco, nonché Los Angeles. L’azienda prende il nome dal fiume che lambisce la Contrada Feudo Santa Anastasia a Randazzo (CT), presso la quale si trovano i nostri terreni. Abbiamo voluto denominarla Al-Cantàra non solo per sottolineare il legame con la terra siciliana, ma soprattutto perché “al-cantàra” in arabo significa “ponte”: e proprio come con un ponte, tradizionale simbolo di unione, l’azienda vuole collegare arte, vino e poesia. Il ponte, che collega un volto femminile con l’acqua fiumana, è peraltro diventato il logo aziendale.